Catania

La città dell’elefante“,come è solito chiamarla è la seconda città della Sicilia,adagiata sul mare Ionio, ai piedi del vulcanoEtna, vulcano che si erge imponente sovrastando Catania dalla sua dominante altezza. È una città fondata sulla lava, In epoca storica, è stata distrutta ben sette volte da eruzioni vulcaniche (la più grande, a memoria d’uomo, è quella del 1669) e dai terremoti (i più catastrofici sono stati quelli del 1169 e del 1693).Dopo di che e stata interamente ricostruita.

Il suo stemma è un elefante di lava, posto ad ornamento della fontana monumentale di piazza Duomo, di cui vi sono aggregate moltissime leggende, dalla resistenza dei Catanesi in groppa a degli Elefanti a far fronte ai popoli invasori,come simbolo di una vittoria militare riportata dai catanesi contro i Libici,e l’ultima che  l’elefante diCatania sia una statua magica, costruita in epoca bizantina,proprio per tenere lontano da
Catania
le offese dell’Etna, in ogni caso i catanesi sono legatissimi a questo simpatico pachiderma di pietra lavica tanto da minacciare una sommossa popolare,quando nel 1862 si ventilò la proposta di trasferire u liotru ( come lo chiamano i Catanesi) dallaPiazza Duomo alla periferica piazza Palestro.catania_dall_alto_

Catania è una delle poche città in Italia ad offrire paesaggi tanto diversi concentrati in un solo sito. Sorge sulla costa orientale dell’isola, ai piedi del vulcano Etna (il più alto d’Europa) e a metà strada tra le città di Messina eSiracusa.La sua bellissima posizione alla base dell’Etna, la sua vicinanza con i più importanti centri commerciali della zona,un funzionale porto marittimo,ed un ottimo aeroporto che serve tutto il turismo della Sicilia Jonica soprattutto di Taormina e Giardini Naxos, questi fattori  la privilegiano rispetto alle altre città Siciliane. La città gode oggi della presenza di una lunga striscia sabbiosa bagnata dal mare, la Plaja, dove in estate attrezzatissimi lidi attraggono migliaia di vacanzieri dalle pendici dell’Etna e dai paesi limitrofi per godersi le belle giornate di solleone, rendendo la litorale della metropoli etnea una delle più popolose d’Italia.

Il suo centro storico é la via Etnea, che nel 2002 è stato dichiarata patrimonio dell’umanità, è il salotto ed il cuore della città. Attraversa Catania da sud a nord partendo dalla Piazza del Duomo ed arrivando, dopo circa 3 kmcatania_duomo, al Tondo Gioeni. Il suo andamento dritto come una spada, ha come prospettiva la sagoma incombente dell’Etna.

Catania possiede un’ intensa vita notturna, vissuta sopratutto passeggiando
in alcune zone del centro e passando da un locale all’altro com’è tipico di molte grandi città del sud Europa. Oltre ad essere abituati al fine settimana lungo (che inizia il giovedì), i catanesiamano far tardi la notte e fin dalle 21,00 si riversano nei locali del centro storico: pub, ristoranti, trattorie tipiche (le cosiddette putie), disco pub, discoteche, wine bar. La zona adiacente al Teatro Massimo Bellini e la barocca Via Etnea sono il centro di quella che viene volgarmente definita la movida catanese. Anno dopo anno la città riscopre nuove zone del centro storico, che si popolano e, in qualche modo, si riqualificano. La linea dei pub del centro storico rappresenta quasi un confine, il cui lembo estremo è l’antica circonvallazione (oggi via Plebiscito, popolata di venditori di carne alla piastra e di stigghiole), oltre il quale si trovano i quartieri degradati di San Cristoforo e Angeli custodi.

L’austero e residenziale Corso Italia si spopola nelle ore notturne, anche perché solo di rado vi si sono aperti locali notturni. Pure, in questa zona restano curiosi e sparuti poli d’attrazione: numerosi sono, infatti, i bar che restano aperti tutta la notte, ad esempio lungo il viale Libertà e in Piazza Trento.
Un’altra zona d’attrazione notturna è la scogliera (o lungomare), che si estende da piazza Europa fino al borgo marinaro diOgnina. Sono presenti numerosi bar, ristoranti, caffè ed i classici carrozzoni deipaninari, furgoni di ambulanti che vendono panini farciti e bibite. I carrozzoni si assiepano durante la notte anche nella piazza dinnanzi la stazione ferroviaria. Le discoteche si trovano prevalentemente sul lungomare della Plaia, a sud della città. Una indole positiva del Catanese è l’orgoglio di essere Siciliano.

… e si arriverà smarriti a capire che forse una vacanza per conoscere tutta la Sicilia non basterà mai.